Cucciolo in arrivo! Come prepararsi

Per i cuccioli nati ad inizio primavera e che sono quindi quasi disponibili sta arrivando il periodo adatto per la loro consegna. Di recente vi abbiamo consigliato come scegliere il vostro migliore amico e come riconoscere un allevatore serio (leggi articolo). Ora, con la speranza abbiate trovato il cucciolo e la persona che fa per voi è il momento di prepararsi al suo arrivo.

Come farlo? Ecco qualche consiglio personale, utile a non farsi cogliere impreparati dal nuovo compagno di vita.

Documentarsi

Prima di tutto ritagliatevi il tempo per leggere qualche buon libro sulla razza o chiedete all’allevatore materiale informativo. In questo modo potete fare domande e snodare i dubbi prima dell’accoglienza (tante domande altre arriveranno col tempo).

Organizzazione – Tempo e spazi

In secondo luogo organizzatevi. Quando ci si prepara all’arrivo di un neonato o di un ospite, ci si prende del tempo per creare delle zone di comfort o provvedere a cene e pranzi. Anche per un cucciolo di cane sarà così!

Dove vivrà il cucciolo? Non è l’obbiettivo dell’articolo, ma qualunque sia lo spazio a lui riservato, dentro casa o in giardino, è necessario per i primi giorni che il cucciolo sia sempre in compagnia e sotto supervisione.

Le persone che ruoteranno attorno a lui devono riservarsi periodi di ferie. Weekend lunghi e tanto tempo levato ai precedenti hobby per garantire un inserimento piacevole e la costruzione di una relazione. Non dimentichiamo che il piccoletto da un contesto conosciuto entrerà in una casa che non ha niente a che vedere con la sua precedente.

Il consiglio è di riservarsi almeno un weekend e un paio di giorni a seguire, anche se l’ideale sarebbero un paio di settimane a casa per poter instaurare subito un legame e far sentire il nuovo arrivato meno solo e spaesato.

Sicurezza

Mettere in sicurezza tutto ciò che può essere pericoloso, ingerito, masticato dal cucciolo è una delle priorità. La nostra casa è piena zeppa di prodotti velenosi e tossici, di oggetti con parti piccole facilmente ingeribili… per non parlare del tanto amato arredamento che a portata cucciolo può essere rotto o rovesciato.

Vasi di vetro o ceramica vanno alzati o spostati in zone precluse al nuovo membro della famiglia, così come tutti i tipi di piante da interno velenose, spinose, vere o finte ed attenzione a centritavola, centrini, materiali di finta pelle o pelo. In un momento di noia o picco di stress non è una grande idea far sì che questi oggetti diventino una preda alternativa.

Per il primissimo periodo consiglio di levare i tappeti in ogni stanza. I cuccioli introno ai 60 giorni non hanno il controllo completo degli sfinteri e rischiano di usare i tessuti a terra come fossero erba per i bisognini. Sconsiglio vivamente l’utilizzo delle traversine che impigriscono il cucciolo (ma soprattutto i proprietari) e possono essere fatte a brandelli e anch’esse ingerite.

Osservare attentamente la casa con gli occhi di un cucciolo può far sorridere, ma vi aiuterà a individuare i possibili pericoli in cui può incorrere il nuovo arrivato.

Abbassatevi a 30 cm da terra e immaginate cosa è a sua portata e dove potrà andare o meno, come ad esempio dietro i mobili, arrivare alle prese di corrente (o alle tende, alla cuccia del gatto, al portariviste ecc. ecc.). E’ deleterio partire con pigrizia mentale e pensare di impartire severi “NO!” agitando l’indice con tono minaccioso per arginare i pericoli.

Ciò che un cucciolo non deve raggiungere va levato ancora prima del suo arrivo o messo in sicurezza.

L’aspetto educativo viene dopo l’incolumità del cucciolo e non prima di essere considerati una persona degna di valore. Prima la sicurezza quindi, poi un legame affettivo e successivamente divieti e richieste per il suo bene (e il bene della casa). I cuccioli si comportano da cuccioli, ma non sono tutti uguali. Ci sono quelli che amano scavare, quelli amanti dell’acqua e altri con spiccate attitudini a scalare. Un cucciolo che fa il bagno nella ciotola ed inizia a correre per casa ad esempio è un pericolo per sé e per gli altri.

Gea e la sua missione di vita

Prendetevi il tempo di conoscere le sue inclinazioni insieme al suo allevatore e provate voi stessi durante le visite a cogliere le sue preferenze.. Per fare un esempio nel caso dei bagnetti nella ciotola a volte basta un piccolo accorgimento come mettere un tappetino antiscivolo o un vetbed sotto oppure spostarla semplicemente in una superficie adeguata.

Giardino e balcone

Anche il giardino cela molti pericoli ed è prioritario renderlo confortevole e sicuro. Prima di tutto è bene discutere con l’allevatore circa le recinzioni e in caso rinforzarle o attrezzarle per evitare la scalata o le evasioni. Le aiuole e le piante a cui siamo affezionati andranno precluse al cucciolo. Documentatevi sulle piante velenose da giardino, il web è una buona fonte (non fidatevi esclusivamente del commesso che vi ha venduto la pianta).

I parapetti di terrazze e balconi devono essere alti e preferibilmente di mattoni. Anche in questo caso però potete chiedere consiglio all’allevatore che potrà dirvi come metterlo in sicurezza.

Fare ordine

Levati gli oggetti potenzialmente pericolosi è bene abituarsi a essere ordinati: no spazzatura in giro, usare bidoni con coperchi, riporre le scarpe nella scarpiera. Quelle che sono norme igieniche di buon senso specie in questo periodo, sono indispensabili quando un cucciolo entra a far parte della famiglia.

Lo saprete di certo, ma è bene ricordare che specialmente i siberian husky sono curiosi e avventurieri. Bere dalla tazza del water, rovistare nel cestino dello studio e ingerire calzini sporchi sono attività che fanno sorridere, ma che possono avere conseguenze da moderate a gravi.

In caso di ingestione di oggetti esiste il rischio di occlusioni intestinali o peggio perforazioni se ciò che è ingerito è vetroso e appuntito.

Cucciolo di 3 mesi

Rispettare gli animali di casa

Se avete gatti o altri piccoli animali da compagnia e avete valutato che è fattibile la convivenza è consigliabile riservare loro una zona separata o rialzata per poter prevenire interazioni obbligate. Prevenire aiuta a evitare incidenti che mettono a rischio la vita del più debole fino a che il nuovo arrivato non si sarà abituato a rispettare gli animali di casa.

Il cancelletto per bambini si rivela un valido alleato per delimitare un ambiente, uno spazio gioco, un’area preclusa al cane senza che egli il primo periodo tema di perderci perché scomparsi dietro una porta.

Cosa acquistare

Prendetevi il tempo di discutere con l’allevatore circa l’alimentazione e un eventuale altro piano alimentare da voi individuato. Che siano crocchette, alimentazione casalinga o crudista, l’invito è di non fare grandi scorte, ma comunque di premunirsi prima dell’accoglimento e favorire un passaggio graduale.

Le ciotole dovranno essere almeno due, una più capiente per l’acqua e una per la pappa, preferibilmente in acciaio inox.

Cucciolo di 30 giorni (ancora in allevamento)

Per il momento del riposo dipenderà sia dalle vostre intenzioni che dalle inclinazioni del cucciolo: un tappetino morbido con un asciugamano è la scelta che io suggerisco come più indicata. Considerando che i cuccioli mordicchiano volentieri tutto e siete sempre in tempo di conoscerlo meglio e migliorare il suo confort potete posticipare questo acquisto in un secondo momento.

Un bel cuscinone o una brandina rialzata piuttosto che una cuccia con tetto piatto da esterno sono solo alcune tra le soluzioni che il vostro amico potrebbe preferire crescendo. La serenità però dell’accoccolarsi insieme sul divano e dormire in compagnia sul lettone potrebbe piacervi e anche per questo motivo non ha molta utilità fare shopping costoso prima di conoscerlo bene.

Cucciolo di 3 mesi (in famiglia)

Ci sono inoltre cuccioli che preferiscono il tappeto erboso, altri il piastrellato e altri ancora i piedi del proprietario. Non spendete tanti soldi in costosi comfort: a un cucciolo può bastare una tana artigianale, posizionata in un luogo tranquillo e vissuto fatta da uno scatolone rovesciato con un lenzuolino all’interno.

Trasporto e trasportino

Durante il primo viaggio verso casa e per i primi spostamenti il consiglio è di tenere il cucciolo in braccio o su una traversina se avete un passeggero sui sedili posteriori. Nel caso in cui siate soli assolutamente kennel (trasportino) per garantire la sicurezza del piccolo e del conducente.

No a cinture e pettorine da auto, sono pericolose e un cucciolo si spaventerebbe legato al sedile da solo. Per il trasporto il consiglio il kennel rigido da posizionare nel bagagliaio o nel sedile posteriore, mentre sconsiglio, oltre alle cinture, le barre divisorie. Ricordatevi per il primo viaggio di portare con voi scottex e detersivo (o salviette umide), gel lavamani e sacchetti per le deiezioni. Il cucciolo potrebbe stressarsi se non abituato a viaggiare e rigurgitare o sporcare.

Giocattoli

Che giocattoli comperare e quando? Direi che lo shopping si può fare prima di ritirare il cucciolo, per evitargli inutili stress in negozio di animali o in caso più avanti, magari lasciandolo tranquillo a casa.

Sì a giochini gommosi e a trecce di corda. Se vi piacciono quelli che squittiscono e il vostro sistema nervoso è buono vanno benissimo, ma limitatevi.

I giochi più apprezzati saranno i più semplici. Ad esempio un vecchio peluche (supervisionate sempre), una pallina da tennis, un canovaccio annodato o una bottiglia di plastica.

Utile può essere un gioco tipo kong da riempire di leccornie oppure qualche snack naturale essiccato da sgranocchiare come il corno di cervo.

I giochi di attivazione mentale possono inizialmente essere creati a casa: un rotolo di cartone con le crocchette dentro, bicchieri e ciotoline di plastica rigida che nascondono del cibo saranno perfetti per il primissimo periodo.

Non dimenticate che è il giocare insieme l’aspetto più bello e non il valore dell’oggetto in sè.

Cuccioli di 80 giorni (in allevamento)
Giocare insieme

Cura e igiene

Servono poche cose. Un panno per asciugare o pulire le zampine, due pacchetti di salviette umide da tenere in auto e a casa, un detergente adatto ai cuccioli, un pettine di ferro e un cardatore sono sufficienti senza dimenticare niente.

Collare e guinzaglio

Come sempre mi sembra di aver scritto una marea di cose, alcune sembrano banali ma mi rendo conto che per alcuni non sono cose affatto scontate. Adesso non vi resta che scegliere collarino (fisso) e un guinzaglio.

Il collarino generalmente è donato dall’allevatore ed è destinato a durare pochi mesi perchè presto il cucciolo crescerà.

Il guinzaglio invece è quello strumento che vi permetterà di restare legati tra voi nella scoperta del mondo. Io consiglio di comperarne due a misura fissa, così se si sporcano li alternate per lavarli o magari uno lo tenete sempre in auto.

La misura fissa permetterà coerenza e maggiore sicurezza nelle prime uscite (no flexi allungabili quindi). Il materiale che prediligo è tessuto con manopola/ occhiello per la mano.

La misura minima è di un metro e mezzo.. costo: pochi euro. A voi la scelta del colore che più vi piace!

Come concludere?

Come concludere se non augurandovi un piacevole inizio di una meravigliosa avventura!

Marta

Ti piacerebbe leggere un altro articolo?
Dieta BARF, una scelta per sempre

A breve, gli otto piccoli di Elettra inizieranno il loro percorso nelle rispettive famiglie e proprio questo passaggio mi ha Read more

Ho un Husky che… scappa!

"Buongiorno, mi hanno consigliato di contattarla. Ho un Husky che ... scappa. Mi può aiutare?" Inizia così la telefonata di Read more

Libertà per un husky…

Libertà per un husky...  in un terreno privo di confini capaci di contenerlo. Chi non ha pensato almeno una volta Read more

Condividilo su: